I politici e il controllo della televisione

Oltre 60 anni di televisione e altrettanti di rapporto tra piccolo schermo e politici. Già negli anni cinquanta i parlamentari mettevano in discussione i contenuti dei programmi della tv. Richiamavano al rispetto della verità come all’indipendenza dell’informazione, ma poi reclamavano spazi per se stessi e lanciavano strali contro i “capelloni”. E già all’epoca la polemica diventava anche un atto parlamentare, spesso interrogazioni, cui la tv di Stato veniva chiamata a rispondere. E in tanti anni tutto questo si è più che moltiplicato. Ma non spaventatevi: questo non è un lavoro di ricerca. È invece un racconto per aneddotica che si snoda attraverso una selezione di alcune di quelle volte in cui il politico si è cimentato sulla tv. A volte in modo appropriato.

Pagine
n.d.
Codice ISBN
n.d.